Home
Benvenuto in marecchia.it - per contatti info@marecchia.it
GRUPPO AMBIENTE DI ANPANA RIMINI - BONIFICA DISCARICA ABUSIVA NEL MARECCHIA PDF Stampa E-mail

Video - https://www.youtube.com/watch?v=qf6QPEIVJv4

Nel 2014 il GRUPPO AMBIENTE di ANPANA RIMINI scopre una discarica abusiva di inerti adiacente il fiume Marecchia. Nel luglio 2015 ANPANA ha effettuato la bonifica del sito in collaborazione con la PM di S. LEO. Sono stati rimossi circa 140 quintali di materiale in tre giorni di lavoro con 14 viaggi.

 

 
COP21 - MANDATO ALLA DELEGAZIONE EUROPEA PDF Stampa E-mail

Redazione MARUS da Fonte ufficiale ARPA

 

Novembre 2015

Nel Settembre u.s. il Parlamento Europeo ha approvato una risoluzione in vista della prossima Conferenza di Parigi COP21 sui cambiamenti climatici delle Nazioni Unite.

La risoluzione invita a un rilancio generale della politica UE sul clima, in linea con l'impegno dell'UE di ridurre dell'80-95% le sue emissioni di gas serra entro il 2050, rispetto ai livelli del 1990.

Contestualmente al conferimento del mandato alla propria delegazione alla COP21, nella sua risoluzione il Parlamento europeo impegna la delegazione a presentare le seguenti richieste di obiettivi da raggiungere entro il 2030:

- una riduzione di almeno il 40% delle emissioni di gas serra;

- un obiettivo di efficienza energetica del 40%;

- un obiettivo del 30% per le energie rinnovabili.

Secondo la risoluzione UE, il Protocollo COP21 di Parigi 2015 dovrebbe:

- essere giuridicamente vincolante;

- puntare a eliminare progressivamente le emissioni globali di carbonio entro il 2050 in modo da mantenere il riscaldamento globale al di sotto dei 2°C;

- prevedere periodi di verifica quinquennali per evitare che i risultati effettivi non siano in linea con gli impegni.

Il Parlamento evidenzia che tra i settori che generano più emissioni di gas serra, quello dei trasporti si posiziona al secondo posto (22% dei gas climalteranti) e pertanto invita tutte le parti presenti alla COP21a lavorare con l'Organizzazione internazionale dell'aviazione civile (ICAO) e l'Organizzazione marittima internazionale (IMO), per adottare misure che consentano di ridurre le emissioni entro la fine del 2016. NDR: E IL TRASPORTO SU GOMMA?

 

 
COP21 - CONFERENZA SUL CLIMA PARIGI 2015 PDF Stampa E-mail

 

Parigi 2015: Capire per partecipare, e farci sentire!

 

Di Renzo Valloni, Novembre 2015

 

Storia della Conferenza. COP21 significa Conferenza delle Parti alla sua XXI edizione, per esteso: XXI Conferenza delle Parti della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC).

La prima COP si è svolta a Berlino nel 1995. Le più importanti delle conferenze successive includono: la COP3 in cui è stato adottato il protocollo di Kyoto, la COP11 in cui è stato prodotto il piano d'azione di Montreal, la COP15 a Copenaghen, dove non è stato realizzato un accordo sull’applicazione del Protocollo di Kyoto e la COP17 a Durban dove è stato creato il Fondo verde per il clima.

 

Leggi tutto...
 
IL PAESE DEGLI ALIBI PDF Stampa E-mail

 

 

«L’unica, la vera “grande opera” di cui il Paese ha urgentissimo bisogno (e che genererebbe moltissimi posti di lavoro) è la messa in sicurezza del territorio. Per imboccare questa strada manca, a quel che pare, l’ingrediente essenziale: un’idea di Italia, un’idea declinata al futuro».

Leggi tutto...
 
IL PAESAGGIO ABBANDONATO SENZA PIU' TUTELE PDF Stampa E-mail

 

 

Che fare se un impianto eolico viene a cadere in zona paesaggistica? Il 19 settembre il Consiglio dei Ministri ha emesso il verdetto: «dalla comparazione degli interessi coinvolti, individuati nella tutela paesaggistica e nella produzione di energia rinnovabile nonché nella valenza imprenditoriale ed economica, si considera prevalente l’interesse alla realizzazione dell’opera» emerso nella conferenza dei servizi. Otto delibere- fotocopia prese in un solo giorno (tutte riferite alla Puglia) non lasciano dubbi sull’intenzione del governo: capovolgere la gerarchia costituzionale dei valori, secondo cui la tutela del paesaggio è un «valore primario e assoluto» (Corte Costituzionale, sentenze 182/2006 e 367/2007), e pertanto non può essere «subordinata ad altri valori, ivi compresi quelli economici», anzi dev’essere «capace di influire profondamente sull’ordine economico-sociale » (sentenza 151/1986). Ma il vulnus alla Costituzione non è il solo: ritenendo di poter convalidare gli esiti di una conferenza di servizi, il Consiglio dei Ministri ignora la fondamentale sentenza del Consiglio di Stato secondo cui «il modulo della conferenza di servizi decisoria , applicato all’autorizzazione paesaggistica, non è idoneo a legittimare l’intervento, se non è seguito da autonoma, espressa e puntuale autorizzazione dell’ente competente » e se la Soprintendenza non si è espressa in senso favorevole (sentenza n. 2378 del 18 aprile 2011). Nell’ebbrezza di deregulation che aleggia a Palazzo Chigi, l’interesse delle imprese prende il sopravvento sul Consiglio di Stato, sulla Corte Costituzionale, sulla stessa Costituzione.

Leggi tutto...
 
NON SMETTONO DI CEMENTIFICARE PDF Stampa E-mail

 

 

A fine agosto, il governo della larghe intese guidato da Renzi ha partorito il decreto “Sblocca Italia”. Un decreto legge che si occupa di vaste materie molto disomogenee fra loro. L’attacco al movimento dei beni comuni e alla rete di spazi sociali e occupazioni contro la crisi è chiaro. Lo “Sblocca Italia” è presentato da Renzi come il manifesto politico che darà il via ad una ripresa dell’economia in Italia, quando in realtà la volontà è di stendere un vero e proprio “tappeto rosso” ai poteri forti pronti, come i Lanzichenecchi, a fare “un sacco” dell’Italia intera e di ciò che è rimasto ancora indisponibile e inalienabile alla logica della privatizzazione selvaggia. Insomma, cementificare ovunque. Un dibattito a Pisa promosso dal Municipio dei Beni Comuni ne ricostruisce i punti critici
Leggi tutto...
 
«InizioPrec.12345678910Succ.Fine»

Pagina 4 di 85